Numero citta’: 6
Colore Stendardo: giallo, bianco, nero
Potenza: alta
Nome Abitanti: baluviani
Sistema politico: monarchia
Capitale: Tanaros

Il regno di Balivia è retto dalla Dinastia Lotaringia, si tratta di una monarchia ereditaria e si basa sulla fedeltà delle potenti famiglie aristocratiche che ruotano attorno ad una sfarzosa corte, i Baluviani hanno accumulato ingenti ricchezze controllando i traffici provenienti dall’oriente e si sono guadagnati la fama di grandi guerrieri, poiché nel corso dei secoli sono sempre riusciti a respingere le invasioni dell’orda delle steppe degli spettri, tenendo al sicuro le terre di Andor. Per fare ciò, però, sono stati costretti ad investire molto dal punto di vista militare e sono diventati un potenza anche da quel punto di vista. I rapporti tra il Regno di Balivia e il Riformato Impero sono di aperta rivalità, questo potente regno riuscì a mantenere la propria autonomia durante l’espansione militare imperiale. Al termine della Guerra dei Demoni, entrambe le potenze avevano subito troppe perdite per poter sostenere un ulteriore conflitto militare, decisero così di stringere un patto di non belligeranza. Ad oggi Balivia e Impero sono le due potenze militari ed economiche più forti nelle terre di Andor occidentali, proprio per questo i rapporti tra di loro sono molto complessi vedendosi reciprocamente come una possibile minaccia alla propria egemonia. Per quanto tra i due non vi sia un’aperto conflitto, i rapporti diplomatici sono decisamente complessi ed ostili mentre i rapporti economici sono praticamente inesistenti. I confini tra i due territori sono ben pattugliati da entrambi i lati, tenuti sempre in allerta dal timore che una delle due potenze possa sconfinare e dare così inizio ad una guerra.

Tanaros

 

tanarosTanaros è la capitale del regno di Balivia, qui ha sede il palazzo del Re, il tribunale regio per le contese tra i nobili del regno e il castello di Bastionne, dove è di stanza l’esercito reale. La dinastia Lotaringia ha reso questa città un piccolo gioiello, considerandola la propria perla da mostrare agli altri regni. Le sue strade sono ordinate e pulite, un sistema fognario evita scarichi di liquami in strada e l’ordine pubblico è assicurato dalle Cappe dorate, il corpo di guardia cittadino che mantiene la sicurezza dei cittadini. Tanaros è una città tranquilla, una grande capitale priva di particolarità rilevanti o problematiche, si può davvero considerare a buon titolo la perla del regno di Balivia. Da essa si aprono innumerevoli vie mercantili dirette a nord e a sud, ma sopratutto ad est, difatti il regno di Balivia è la porta d’oriente, trovandosi tra le steppe il regno agisce da stato cuscinetto tra le tribù nomadi delle steppe e i regni delle terre occidentali di Andor. Per questo motivo negli empori di Tanaros è possibile trovare mercanzie e armi ed armatura di strana foggia provenienti dalle steppe e dalle lontane e misteriose terre del Cipango. Altresì non è raro incontrare abitanti di quelle lontane terre o nomadi delle steppe, dediti alla vendita dei loro esotici manufatti.

Tarascone

 

tarasconeTarascone è una città mineraria, si trova alle pendici dei monti nebbiosi ed è la principale produttrice del regno di metalli grezzi di basso valore, il ferro estratto dalle sue miniere viene usato per la produzione degli armamenti e delle armature del regno di Balivia. Inoltre la città è un’importante centro commerciale per le popolazioni montane Shinikon e Darkwild che qui commerciano con i mercanti Baluviani. Pare che la famiglia di mercanti Rosaspina sia riuscita ad ottenere un lasciapassare a fini commerciali per trasportare alcune merci tra il confine imperiale e quello baluviano, ovviamente solo ad un costo esorbitante.

Rochelle

 

rochelleRochelle è “La guardia del Sud”, più che una città, si tratta di un paese sviluppatosi attorno all’ accampamento fortificato che i Baluviani eressero in tempi antichi per evitare un’ulteriore allargamento territoriale della città stato di Tallin. La città è fortemente militarizzata e tutte le sue attività ruotano attorno alla milizia di guardia alla fortezza, fabbri, allevatori di cavalli, locandieri e contadini si assicurano di non far mancare nulla ai soldati e alle loro famiglie che si sono stabilite ai piedi del fortilizio. Le milizie di stanza nel fortilizio inoltre pattugliano i confini meridionali del regno controllando qualsiasi intrusione non desiderata, per questo motivo la città ha preso il nome Guardia del Sud. La struttura fortificata della città fu essenziale durante gli anni di guerra contro il Riformato Impero. All’epoca la città fu tenuta d’assedio per molti anni, riuscendo a resistere alle molte incursioni del nemico fino al giorno in cui i contingenti imperiali non furono costretti a ritirarsi. Tanta tenacia ha alimentato tra i Baluviani il diffondersi di una leggenda nota come “la Battaglia dei Cento Uomini”; secondo la storia cento soldati baluviani rimasero a difesa delle mura esterne della città e da soli riuscino a respingere tutte le milizie imperiali che cingevano d’assedio Rochelle, compiendo questo gesto con l’estremo sacrificio della propria vita.

Imberville

 

imbervilleLa porta dell’Est, Imberville viene chiamata così, per la sua principale attività, il commercio. Questa città si trova immersa nelle distese delle steppe degli spettri, ed è l’ultimo baluardo della civiltà occidentale, al di là di essa si apre la strada delle spezie, la più lunga carovaniera, dopo quella dell’avorio, che si spinge fino alle isole del Cipango. Questa città vive di mercanti, qui si formano carovane, vivono mercenari che si mettono al servizio delle carovane per scortarle oltre le steppe e fuori dalla portata dei predoni di quelle terre. Qui si trovano innumerevoli mercanzie, persone provenienti da tutte le terre occidentali e dedite al commercio e anche il più gigantesco numero di locande situate nella stessa città. Da Imberville si parte e ad Imberville si ritorna dal lontano oriente, la città fa di tutto affinché il viaggio sia sopportabile e il riposo al ritorno sia soddisfacente per tutti quei mercanti che tra le sue strade sognano ricchezze e avventure nelle remote terre d’oriente.

Chinon

 

chinonChinon è la guardia del nord, tenuta dal clan del lupo d’argento, che ha il proprio simbolo inciso sullo stemma della città, questa città protegge il confine nord del regno di Balivia. I feroci guerrieri Keltoi della città pattugliano la steppa degli spettri e la tetra foresta di Drakenwood. Chinon, anche se di nome Baluviano, ha origini Keltoi. Il regno stipulò con loro una salda alleanza per rassicurare la popolazione locale sulla vicina città stato di Rared, data la paura dei Keltoi per la magia; fu dato a Chinon il compito di svolgere attività di vigilanza e tenerli impegnati e lontani da Rared, onde evitare conseguenze sanguinose se fosse scoppiato un conflitto tra le due città. Durante gli anni dell’Eresia di Dertamin, alcune delegazioni di fanatici dell’Ordine di Wirth riuscirono a convincere la popolazione di Chinon della minaccia che rappresentava la torre di Rared. Con il consenso della città, milizie fedeli a Dertamin poterono oltrepassare la foresta di Drakenwood e la catena montuosa antistante riuscendo a raggiungere Rared, la quale fu cinta d’assedio ed in seguito distrutta. Le milizie di Dertamin, però, compirono una vera e propria carneficina della popolazione di Rared, così che i cittadini di Chinon si pentirono di averli aiutati ad oltrepassare i confini del regno. Quando le forze di Wirth fecero ritorno a Chinon, per tornare nei propri territori, trovarono schierate le forze keltoi assieme a quelle baluviane e per loro non ci fu scampo. Da quel giorno la Baluvia decise di porre a capo delle forze militari di Chinon un baluviano d’origine, con grande dissenso della città, non potendosi fidare più fino in fondo della fedeltà dei Keltoi alla corona baluviana.

Carcassone

 

carcassoneCarcassone è un tranquillo villaggio di grandi dimensioni adagiato sulle sponde del lago della luna, non ha molta importanza nello scacchiere del regno di Balivia, ma la sua popolazione da sola offre un terzo dell’intera produzione alimentare del regno. Carcassone è la città di potenti possidenti terrieri e pescatori, trovandosi nella zona più fertile del regno da essa dipende il sostentamento dell’intero stato. Unica particolarità della città è che qui si trova la sede dei cavalieri della Rosaspina, un ordine cavalleresco di giovani e irruenti cavalieri che agiscono come forza difensiva della città, tenendola al sicuro dai pericoli rappresentati dalla vicina foresta di Drakenwood e da possibili invasioni.